Per offrirti il migliore servizio possibile questo sito utilizza cookies. Cookie Policy - Privacy Policy




Bando ISI INAIL 2017: come si presenta la domanda

09:00

21-12-2017

Pubblicato l'Avviso Pubblico per il bando ISI 2017 che racchiude, oltre alle linee di intervento "classiche", anche la linea ISI AGRICOLTURA, oggetto di bando specifico lo scorso anno.

L’INAIL con il nuovo bando ISI 2017 mette a disposizione nuovi contributi a fondo perduto per le imprese che realizzano interventi in materia di salute e sicurezza sul lavoro. I fondi sono suddivisi in 5 assi di finanziamento, differenziati in base ai destinatari e alla tipologia dei progetti che saranno realizzati. Tra le novità più importanti del bando l’apertura alla partecipazione degli enti del Terzo settore per interventi di riduzione del rischio da movimentazione manuale dei carichi. Come si presenta la domanda?

Pubblicato dall’INAIL il bando ISI 2017 per incentivare le imprese a realizzare interventi finalizzati al miglioramento dei livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. Il nuovo bando presenta diverse novità rispetto alle precedenti edizioni.

Innanzitutto, alle imprese che operano in agricoltura è dedicato uno specifico asse di finanziamento, mentre nel 2016 per il settore agricolo era stato aperto un avviso pubblico specifico.

Per la prima volta inoltre potranno partecipare anche gli enti del Terzo settore con progetti relativi alla movimentazione manuale dei carichi.

Risorse e progetti finanziabili

Le risorse complessive disponibili ammontano a oltre 249 milioni, ripartiti in budget regionali e suddivisi in 5 assi di finanziamento, differenziati in base ai destinatari e alla tipologia dei progetti che saranno realizzati:

- 100 milioni di euro per progetti di investimento e per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale (Asse di finanziamento 1);

- 44.406.358 euro per progetti per la riduzione del rischio da movimentazione manuale dei carichi (Asse di finanziamento 2);

- 60 milioni di euro per progetti di bonifica da materiali contenenti amianto (Asse di finanziamento 3);

- 10 milioni di euro per progetti di micro e piccole imprese operanti nei settori del legno e della ceramica (Asse di finanziamento 4);

- 35 milioni di euro (suddivisi in 30 milioni destinati alla generalità delle imprese agricole e in 5 milioni per i giovani agricoltori, organizzati anche in forma societaria) per progetti di micro e piccole imprese che operano nel settore della produzione agricola primaria dei prodotti agricoli (). progetti di investimento (Asse di finanziamento 5- sub Assi 5.1 e 5.2).

Soggetti destinatari

I soggetti destinatari dei finanziamenti sono le imprese, anche individuali, ubicate su tutto il territorio nazionale iscritte alla Camera di commercio industria, artigianato ed agricoltura e, per l’asse 2 di finanziamento, anche gli enti del Terzo settore, anche non iscritti al registro delle imprese ma censiti negli albi e registri nazionali, regionali e delle Province autonome.

Agevolazione

Il contributo per ogni progetto è erogato in conto capitale e varia in base all’asse di finanziamento.

In particolare, per gli Assi 1, 2, 3 il contributo è concesso nella misura del 65% dell’investimento e per un importo compreso tra 5.000 e 130.000 euro (per le imprese fino a 50 dipendenti che presentano progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale non è fissato il limite minimo di finanziamento).

Per l’Asse 4, l’aiuto è sempre pari al 65% delle spese sostenute, ma con un minimo di 2.000 euro ed un massimo di 50.000 euro.

Per l’Asse 5 (5.1 e 5.2), l'intensità del sostegno è fissata nella percentuale del:

- 40% per i soggetti destinatari dell’Asse 5.1 (generalità delle imprese agricole);

- 50% per i soggetti destinatari dell’Asse 5.2 (giovani agricoltori).

In ogni caso, il finanziamento erogabile sarà compreso tra un minimo di 1.000 euro ed un massimo di 60.000 euro.

Presentazione domande

La domanda deve essere presentata in modalità telematica, con successiva conferma attraverso l’apposita funzione di upload/caricamento presente nella procedura per la compilazione della domanda on line.

Prima fase

A partire dal 19 aprile 2018 e fino alle ore 18:00 del 31 maggio 2018 le imprese avranno a disposizione una procedura informatica che consentirà loro, attraverso un percorso guidato, di inserire la domanda di finanziamento.

Per accedere alla sezione l’impresa deve essere in possesso delle credenziali di accesso ai servizi online, che possono essere ottenute effettuando la registrazione sul portale dell’Istituto almeno 2 giorni lavorativi prima della chiusura della procedura informatica per la compilazione della domanda.

Fasi successive

Dal 7 giugno 2018 le imprese i cui progetti avranno raggiunto o superato la soglia minima di ammissibilità potranno accedere all’interno della procedura informatica ed effettuare il download del proprio codice, che le identificherà in maniera univoca in occasione del “click day” dedicato all’inoltro online delle domande di ammissione al finanziamento attraverso lo sportello informatico.

I giorni e gli orari di apertura dello sportello informatico saranno comunicati sul sito INAIL a partire dalla stessa data. Gli elenchi in ordine cronologico di tutte domande inoltrate, con evidenza di quelle in posizione utile per essere ammesse al finanziamento, saranno pubblicati entro 14 giorni dall’ultimazione della fase di invio del codice identificativo.

Le imprese collocate in posizione utile per il finanziamento dovranno poi fare pervenire all’INAIL, entro il termine di 30 giorni, tutti i documenti richiesti per la specifica tipologia di progetto.

Fonte: Ipsoa Quotidiano - Copyright © - Riproduzione riservata

FINANZA AGEVOLATA

Iscriviti alla nostra newsletter