Per offrirti il migliore servizio possibile questo sito utilizza cookies. Cookie Policy - Privacy Policy




Voucher digitalizzazione PMI: via alla domande per il voucher da 10mila euro

14:00

15-01-2018

A partire dalle ore 10.00 di oggi Lunedì 15 Gennaio, le PMI potranno richiedere i voucher digitalizzazione attraverso la compilazione della domanda, tramite procedura online, disponibile sul sito del Ministero dello Sviluppo Economico.

Si apre oggi la prima fase per richiedere i voucher digitalizzazione. A partire dalle ore 10:00 di oggi, 15 gennaio 2018, le PMI interessate all’agevolazione potranno eseguire la compilazione della domanda di accesso al contributo.

L’invio della istanza sarà possibile dalle ore 10:00 del 30 gennaio alle ore 17:00 del 9 febbraio 2018.

Per accedere alle agevolazioni è richiesto il possesso della Carta nazionale dei servizi del legale rappresentante d’azienda o di un suo delegato e di una casella di posta elettronica certificata attiva e la sua registrazione nel Registro delle imprese.

Soggetti Beneficiari e Interventi agevolabili

L’agevolazione, sotto forma di Voucher, prevede l’ assegnazione di un contributo nella misura massima del 50% delle spese ammissibili e, comunque, con importo non superiore a 10.000 euro, per l’acquisto di hardware, software e servizi finalizzati alla digitalizzazione dei processi aziendali e all’ammodernamento tecnologico.

Possono accedere ai voucher le micro, piccole e medie imprese, iscritte nel Registro delle imprese, costituite in qualsiasi forma giuridica ed operanti in tutti i settori di attività economica ad eccezione di quelli esclusi dall’articolo 1 del regolamento (UE) n. 1407/2013 (quali il settore della produzione primaria di prodotti agricoli e della pesca e acquacoltura).

Sono esclusi i soggetti registrati unicamente presso il Repertorio Economico Amministrativo (REA) delle Camere di Commercio (ad esempio gli enti pubblici non economici, le associazioni riconosciute e non, le fondazioni, i comitati, gli organismi religiosi), mentre gli studi professionali e i liberi professionisti possono richiedere le agevolazioni qualora svolgano la propria attività in forma di impresa e siano iscritti, alla data di presentazione della domanda, al Registro delle imprese.

Compilazione della domanda

Ogni società potrà presentare una sola domanda di accesso alle agevolazioni nella quale è tenuta ad indicare, ai fini della suddivisione su base regionale delle richieste pervenute, l’ubicazione dell’unità produttiva nell’ambito della quale viene realizzato il progetto.

Nella domanda inoltre dovranno essere segnalate le seguenti informazioni:

- aiuti “de minimis” ottenuti dall’impresa - anche come “impresa unica” ai sensi dell’articolo 2, paragrafo 2, del Regolamento (UE) n. 1407/2013 - nell’esercizio finanziario di presentazione della domanda e nei 2 esercizi finanziari precedenti.

- il numero univoco di identificazione della marca da bollo annullata;

- il valore del voucher richiesto, che non potrà superare il 50% del totale delle spese ammissibili, con un massimale pari a 10.000 euro.

Chiusura della domanda

Dopo aver terminato il caricamento della domanda, verrà rilasciato dal Sistema il “codice di predisposizione domanda” necessario per l’invio della stessa.

Al momento dell’invio della domanda verrà allegato esclusivamente il prospetto dei dati certificati dal Registro imprese ma non dovranno essere allegati i preventivi di spesa. Per ogni ambito di intervento del progetto, in fase di compilazione della domanda, sarà sufficiente indicare la tipologia di bene o servizio previsto (software, hardware, servizi di consulenza, opere infrastrutturali e tecniche e servizi di formazione) e il relativo importo.

Attenzione: verranno considerate ammissibili solo le spese sostenute successivamente all’assegnazione del voucher digitalizzazione.

Inoltre il progetto agevolato dovrà venire ultimato entro 6 mesi dalla pubblicazione sul sito del MISE del provvedimento di prenotazione del voucher.

 

FINANZA AGEVOLATA

Iscriviti alla nostra newsletter