Per offrirti il migliore servizio possibile questo sito utilizza cookies. Cookie Policy - Privacy Policy




AGEVOLAZIONI IMPRESE - LEGGE DI BILANCIO 2020

17:00

23-01-2020

 

Numerose sono le novità apportate dalla Legge di Bilancio 2020 in tema di agevolazioni alle imprese.

 

Di seguito una tabella riepilogativa con le principali modifiche rispetto alla disciplina precedente.

 

Superammortamento ed Iperammortamento si trasformano in Crediti di Imposta

Il superammortamento (quindi per quanto riguarda investimenti in beni strumentali non industria 4.0) si trasforma in un credito di imposta nella misura del 6% nel limite massimo di 2 milioni di euro.

L’ iperammortamento (quindi per quanto riguarda i beni materiali industria 4.0) si trasforma in un credito di imposta con due scaglioni contributivi:

• il 40% per gli investimenti fino a 2,5 milioni di euro;
• il 20% per i beni di valore compreso tra 2,5 e 10 milioni.

Il credito d’imposta per gli investimenti in beni immateriali 4.0 anche se acquisiti con abbonamenti a piattaforme in cloud computing, è invece stabilito nella misura del 15% nel limite massimo di costi ammissibili pari a 700.000,00 euro.

Bonus Formazione 4.0

Modifica e proroga al 2020 del credito d'imposta formazione 4.0. Vengono ammessi tra i soggetti formatori gli istituti tecnici e ritoccati i limiti massimi annuali del credito.

Per tutte le imprese la misura del bonus è aumentata al 60% nel caso in cui i destinatari delle attività di formazione ammissibili rientrino nelle categorie dei lavoratori dipendenti svantaggiati o molto svantaggiati.

Viene infine eliminato l’obbligo della stipula e del deposito dei contratti collettivi aziendali o territoriali presso l’Ispettorato Territoriale del Lavoro competente.

Viene introdotto l’obbligo per le imprese di effettuare una comunicazione al MISE relativamente alla fruizione del credito.

Beni strumentali - Nuova Sabatini

Rifinanziamento della misura fino al 2025.

Contributo pari al 5,5% per investimenti Indistria 4.0 realizzati dalle micro e piccole imprese nelle regioni svantaggiate.

Contributo pari al 3,575 % per l'acquisto, anche mediante leasing finanziario, di macchinari, impianti e attrezzature nuovi di fabbrica ad uso produttivo, a basso impatto ambientale.

Bonus fiere internazionali

 

Esteso al 2020 il credito d’imposta a favore delle PMI italiane che partecipano a manifestazioni fieristiche internazionali di settore in Italia o all’estero. Il bonus è riconosciuto nella misura del 30% delle spese sostenute e fino ad un massimo di 60.000,00 euro.

Credito d’imposta Ricerca, Sviluppo e Innovazione

 

Il credito d’imposta Ricerca e Sviluppo viene sostituito con un nuovo credito d’imposta riconosciuto, dal periodo d'imposta 2020,  per gli investimenti in ricerca e sviluppo, in transizione ecologica, in innovazione tecnologica 4.0 e in altre attività innovative.

In particolare viene riconosciuto un credito d’imposta pari al:

  1. 6% delle spese ammissibili per attività di ricerca fondamentale, di ricerca industriale e sviluppo sperimentale in campo scientifico o tecnologico;
  2. 6% delle spese ammissibili per attività di innovazione tecnologica finalizzate a prodotti o processi nuovi o sostanzialmente migliorati.

10% delle spese ammissibili, nel caso di le attività di innovazione tecnologica destinate alla realizzazione di prodotti o processi di produzione nuovi o sostanzialmente migliorati per il raggiungimento di un obiettivo di transizione ecologica o di innovazione digitale 4.0;

  1. 6% delle spese ammissibili per attività di design e ideazione estetica svolte da imprese operanti nel settore tessile, moda, calzaturiero, occhialeria, orafo, mobile e arredo, ceramica.

Cambia quindi in maniera significativa la percentuale di contributo concedibile e la base del calcolo. L’importo ammissibile viene assunto al netto delle altre sovvenzioni o contributi ricevute a qualunque titolo dalle imprese per le stesse spese ammesse. 

Gli incentivi per la Ricerca & Sviluppo inoltre non verranno più calcolati sul base incrementale ma in percentuale sulle spese ammesse.

Viene introdotto infine l’obbligo per le imprese di effettuare una comunicazione al MISE relativamente alla fruizione del credito.

FINANZA AGEVOLATA

Iscriviti alla nostra newsletter